No alla violenza sulle donne, salviamo Cyntoia

Condannata all’ergastolo a 16 anni, per aver ucciso l’uomo che la sfruttava, Cyntoia Brown è ora balzata alla ribalta grazie all’appello di numerose star.

E’ una storia triste, quella di Cyntoia Brown,  che parla di degrado, di ingiustizia sociale e di violenza e sconvolge per  la crudezza degli eventi.

Una breve vita, vissuta nell’abbandono e nella solitudine, nell’emarginazione di chi impara troppo presto a difendersi da un mondo  pronto a far male. Colpevole di essere nata, colpevole di essere donna.

 

Cyntoia Brown  è stata condannata all’#ergastolo nel 2006, in Tennessee, per aver ucciso un uomo, Johnny Allen, nel 2004. All’epoca Brown aveva 16 anni e veniva costretta a prostituirsi da un  altro uomo che aveva conosciuto, dopo essere scappata di casa.

Allen l’aveva incontrata in un parcheggio e l’aveva portata a casa sua: la stessa dove poi Brown gli  avrebbe sparato, secondo la sua versione, per legittima difesa. Oggi Brown ha 29 anni e ha conseguito una laurea in carcere, dove ha trovato la forza di essere se stessa.

Il messaggio

Immagina di essere stata costretta alla prostituzione a 16 anni da un pappone soprannominato “taglia-gola”. Dopo giorni in cui sei stata ripetutamente  drogata e stuprata da uomini diversi, vieni acquistata da un predatore sessuale di bambini di 43 anni che ti porta a casa sua per usarti per il sesso- dice la stessa Cyntoia  in un suo commovente appello– Finisce che trovi abbastanza coraggio per lottare, gli spari e lo uccidi. Vieni arrestata e conseguentemente processata e condannata come una adulta a passare tutta la vita in prigione”.

Sono parole drammatiche che stanno sollevando l’opinione pubblica degli #Usa, ma anche del mondo intero. Numerose stelle del cinema e del mondo dello sport chiedono la sua scarcerazione. 

Cyntoia che, all’epoca dei fatti, fu processata  come un’adulta e non come una minorenne, è stata ritenuta, dalla giuria dello Stato del Tennessee, colpevole di aver ucciso per furto, non riconoscendole quindi la legittima difesa.

Cyntoia, figlia di una madre alcolizzata e data in affido a 2 anni, aveva un solo diritto: quello di essere amata in una società che non sa amare le donne, ma le violenta e le usa.

 Potrà chiedere la libertà condizionale quando avrà 69 anni.

#IrmaSaracino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *