Jahkil Jackson, l’angelo di Chicago che commuove l’America

Dieci anni, di Chicago, Jahkil Jackson, ha ideato e realizzato, insieme all’aiuto della sua scuola, cinquemila ‘blessing bags’ da distribuire ai #senzatetto. Ma sogna di poter dare loro una casa.

Orologi

Il suo nome è Jahkil Jackson, ha solo dieci anni, vive a Chicago, ma è già una celebrità. Vincitore del  Gloria Barron Prize per i Young Heroes, un premio rivolto a 25 giovani che hanno realizzato un cambiamento positivo nel mondo, Jahkil ha ha deciso spontaneamente di donare i cinquemila dollari del premio all’associazione ‘I am‘, che ha raccolto i fondi per distribuire ai #senzatetto ben cinquemila blessing bags, kit contenenti generi di prima necessità.

Ma la storia di questo straordinario bambino ha inizio già nella sua infanzia, quando, in compagnia della zia, ebbe modo di vedere per la prima volta la tragica realtà di quanti hanno perso tutto, anche la propria identità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Jahkil, malgrado i suoi cinque anni, ne fu talmente impressionato ( come racconta la madre in un’intervista al Chicago Tribune) da maturare dentro di sè la volontà di essere operativo e di contribuire a ridare dignità a coloro che ormai non sono più considerati persone dalla società dei consumi.

Passarono gli anni ma il piccolo ‘eroe della vita’ non dimenticò la crudezza delle immagini che avevano colpito la sua mente. Così, cinque anni dopo diede  vita al progetto  I am, indirizzato ai senzatetto, ideando la realizzazione e la distribuzione di cinquemila borse – chiamate blessing bags – contenenti un kit per l’igiene personale e alcuni snack.

Jahkil e le sue Blessing bags

Un piccolo aiuto, nell’Oceano del degrado e dell’indifferenza, ma un soffio di #umanità, che avrebbe potuto alimentare la speranza di ‘esserci’ delle migliaia di clochard, persi nella solitudine della povertà, che giacciono nelle strade della metropoli statunitense.

Chicago

Jahkil è diventato così un simbolo, un messaggio vivente di amore per l’#America. E la sua storia ha commosso tutti, anche Barack Obama, ridestando quell’antico spirito di fratellanza e solidarietà, offuscato dalle tenebre di una società che ti toglie ogni cosa, anche l’#umanità.

” Quando parlo con altri bambini nelle scuole dico sempre di non aspettare di diventare adulti per essere grandi, si può essere fantastici anche da bambini!’

Ha dichiarato Jahkil in un’intervista al Chicago Tribune. Ma il piccolo  ha ancora un sogno: costruire una casa per tutti.

E con la determinazione di chi sa amare, siamo sicuri che riuscirà a realizzare il suo progetto, forse in un tempo ancora lontano, ma la sua voce saprà scuotere le coscienze.

E quanto agli #angeli, chi ha detto che non esistono?

#IrmaSaracino

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *